Biografia - Dott. Tindaro Bongiovanni
15333
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15333,ajax_updown,page_not_loaded,,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 
CHI SONO

Il Dr. Tindaro Bongiovanni è il Responsabile dell’Area Nutrizione del Parma Calcio 1913. È un biologo nutrizionista specializzato in Medicine Naturali, Nutrizione Sportiva e perfezionato in Fitoterapia.

Auricoloterapia0%
Fitoterapia0%
Ayurveda0%

Dr. Tindaro Bongiovanni

La mission del Dr. T. Bongiovanni è quella di guidare la persona alla “presa di consapevolezza”; insegnarle a mangiare con intenzione ed attenzione per dare una svolta al suo approccio al cibo, migliorando la qualità della sua vita.

Come afferma il professor B. Wansink, professore alla Stanford University: “La quantità di cibo che ognuno di noi assume ogni giorno dipende in gran parte dall’ambiente che ci circonda, noi mangiamo troppo non per fame, ma perché influenzati dagli amici e dalla famiglia, dalla grandezza delle confezioni e dei piatti, attratti da numeri e nomi, etichette e luci, forme e odori, fuorviati da diversivi e distanze, dispense e contenitori. Questa lista è tanto infinita quando invisibile”.

Siamo abituati a credere che il nostro modo di alimentarci sia determinato principalmente da quanto siamo affamati, da quanto apprezziamo il cibo e soprattutto dall’umore. Pensiamo di essere troppo intelligenti per essere tratti in inganno dalla grandezza delle confezioni o dai piatti, dal tipo di illuminazione. Siamo disposti a riconoscere che altri possano essere raggirati, ma non noi. Ecco cosa rende questo “mangiare inconsapevole” così pericoloso. Insomma, spesso è proprio la consapevolezza a fare la differenza.

 

Conoscere per fare e fare per conoscere

Sapere quali sono i cibi salutari e quelli dannosi, essere consapevoli che l’esercizio fisico sia essenziale non basta, bisogna FARE.

“È più facile rompere un atomo che spezzare un’abitudine”, recitava il buon vecchio Einstein. Proprio per questo, per spezzare un’abitudine bisogna partire dal presupposto che la perseveranza rappresenta la chiave per raggiungere il successo: sono necessari 66 giorni affinché una nuova abitudine si consolidi e diventi automatica. Quindi, la conoscenza dei principi alimentari, l’educazione alimentare, la costanza nel tempo sono gli ingredienti della ricetta “perdita di peso consapevole”.

Non esiste la “dieta migliore”, non conosco “diete super” né, tanto meno, “alimenti e pozioni magiche dimagranti”. Abbandoniamo l’idea di alimenti buoni e cattivi, è la dose che fa il veleno!

Sostanzialmente, impariamo ad abbinare gli alimenti nel corso della giornata, bilanciamo i macro e i micro nutrienti, idratiamo le cellule del nostro corpo.L’alimentazione, per dirla con le parole di Pedro Escudero, medico Argentino, deve essere bilanciata, contenere tutti i nutrienti ed essere adeguata ad ogni persona, ovvero, personalizzata. Aggiungerei, piacevole e sostenibile nel tempo, con una particolare attenzione alla provenienza degli alimenti, coltivazione, raccolta, stagionalità, senza tralasciare le metodologie di cottura, le quali, influenzano fortemente la composizione nutrizionale.