LA BIRRA POST-ALLENAMENTO? WHY NOT! - Dott. Tindaro Bongiovanni
15664
post-template-default,single,single-post,postid-15664,single-format-standard,ajax_updown,page_not_loaded,,qode-title-hidden,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

LA BIRRA POST-ALLENAMENTO? WHY NOT!

Il 24febbraio 2016 la gazzetta dello sport pubblica il parere di un grande  Scienziato e Medico, il Prof Gatteschi, su un argomento che accenderà grandi discussioni successivamente: l’utilizzo della Birra come bevanda re-idratante per lo sportivo.

DICO SUBITO CHE SONO PIENAMENTE D’ACCORDO con il Prof Gatteschi, del quale riporto quello che la gazzetta scrisse allora: “la birra è più completa di qualsiasi altro integratore energetico” e, “grazie alla minore quantità di zuccheri, al maggior contributo di magnesio, fosforo, calcio e vitamine del complesso B, se limitata ad una piccola quantità, la birra è anche più valida di un qualsiasi altro integratore energetico perché più completo”; l’importante è non esagerare scegliendo birre con bassa gradazione alcolica. COME DICO SEMPRE: la dose fa il veleno, quindi LA GRADAZIONE ALCOLICA, LA MATERIA PRIMA, IL PROCESSO DI PRODUZIONE sono aspetti fondamentali se si vuole utilizzare tale bevanda!

Sull’idratazione prima, durante e dopo l’esercizio fisico esiste davvero una letteratura straordinaria ed interminabile e, recentemente, alcuni Autori si sono dedicati proprio agli effetti del consumo di Birra, Birre Manipolate nel contenuto di elettroliti sul bilancio ido-elettrolitico.

Un interessante lavoro Olandese del 2016 (Wijnen et al.) conclude come la combinazione tra un MODERATO consumo di birra, con vario contenuto alcolico, una sufficiente quota di acqua o bevanda contenente carboidrati ed elettroliti e l’assunzione di alimenti ad elevato tenore di sale, sia la strategia in grado di migliore la fase di re-idratazione, tuttavia ULTERIORI RICERCHE SONO NECESSARIE!

Molto interessante il lavoro di Desbrow et al. del 2015, gli Autori hanno valutato gli effetti di Birre con diversa gradazione alcolica e differente concentrazione di sodio. Nello studio condotto sembrerebbe come la birra a bassa gradazione (2,3%) addizionata con 50 mmil/L sia quella in grado di migliorare il complesso processo di re-idratazione post esercizio.

Ad avvalorare la tesi relativa al concetto di gradazione alcolica, uno studio pubblicato nel 2014 conclude come l’impiego di Birra avente una gradazione del 4,6% determinava un’aumentata diuresi, una riduzione del tempo di reazione rispetto all’assunzione di birra analcolica o acqua.

Sempre il gruppo di Desbrow nel 2013 proponeva la birra a bassa gradazione alcolica con aggiunta di sodio come “un potenziale compromesso tra una bevanda dalla grande accettabilità sociale ed una bevanda che evita di esacerbare gli effetti disidratanti di una birra ad elevata gradazione alcolica”.

Gli studiosi stanno sempre più attenzionando l’argomento, e molti altri studi sono in progress perché necessari!

Cereali di grande qualità (Grano Saraceno per esempio), luppolo, consumo moderato, birre artigianali e non filtrate e a basso GRADO ALCOLICO (2,5%): sembrerebbero essere queste le caratteristiche da ricercare!

 

 

Per approfondimenti:

Wijnen et al. 2016. Front Nutr. 17; 3:45

Desbrow et al. 2015. Int J Sport Nutr Exerc Metab, 25(3):262-70.

Flores-Salamanca 2014. Appl Physiol Nutr Metab, 39(10):1175-81.

Desbrow et al. 2013. Int J Sport Nutr Exerc Metab, 23(6):593-600.

 

 

 

 

 

 

 

No Comments

Post A Comment